Cenone Light : Si può fare! You can do!

Che bello festeggiare senza pensieri con um menu elegante ma semplice da preparare e che non mette a rischio la linea.
I grassi e gli zuccheri, sono stati ridotti in modo sapiente e non mancano le lenticchie e il panettone

ANTIPASTO

Triangoli croccanti di lenticchie al curry
La tradizione vuole che le lenticchie siano simbolo di abbondanza per l’anno a venire. E con l’oro del curry diventano ancora più preziose

PRIMO PIATTO
Ravloloni di cicoria e ricotta in crema di patate dolci
Serve meno pasta per preparare un unico grande raviolo rispetto a tanti piccoli. Così si tagliano calorie e tempo in cucina

SECONDO PIATTO
Clafoutis di broccoli
Solo poca farina di grano saraceno e di mais per dare corpo a questo gustoso sformato completamente privo di glutine

DESSERT
Mini crumble di mele al panettone
Un’idea facilissima e veloce per trasformare il panettone in un dessert profumato e super leggero

Di Paola Galloni esperta in cucina light Foto di Laila Pozzo da Rivista Cucina Naturale

Triangoli croccanti di lenticchie al curry

Preparazione 20′ Cottura 50′ Difficoltà esecuzione Media
Senza latticini > Vegetariano > Impatto glicemico Medio

Per 4 persone
8 fogli di pasta fillo (160 g),
250 g di lenticchie cotte,
250 g di patate,
50 g di porri,
2 cucchiaini di curry,
3 cucchiai d’olio e. v. d’oliva,
brodo vegetale,
sale, pepe

1 Lessate le patate intere e con la buccia, quindi pelatele e schiacciatele con una forchetta.

2 Scaldate un cucchiaio d’olio in una padella, unite i porri tritati e fateli imbiondire, quindi mescolate le lenticchie, il curry, sale, pepe e un mestolo di brodo vegetale. Cuocete per 10 minuti e poi unite anche le patate. Amalgamate bene il tutto e lasciate raffreddare.

3 Stendete i fogli di pasta fillo. Piegate ogni foglio a metà per il lungo, poi sistemate 2 cucchiai del ripieno a un’estremità e ripiegate un lembo sopra il ripieno formando un triangolo. Continuate a
piegare, mantenendo la forma di triangolo, lungo la sfoglia fino in fondo. Spennellate gli 8 triangoli con un’emulsione preparata con 2 cucchiai d’olio e 2 cucchiai d’acqua e sistemateli su una placca rivestita con carta da forno.
4 Infornate i triangoli a 180 °C in modalità ventilata per 20 minuti, voltandoli una volta dopo 10 minuti. Lasciateli raffreddare per qualche minuto prima di servirli.

Vino consigliato
Conegliano Valdobbiadene Brut Nature unisce gli elementi distintivi del Prosecco a un residuo zuccherino più contenuto per un effetto di maggiore eleganza complessiva.

Ravioloni di cicoria e ricotta in crema di patate dolci

Preparazione 40′ Cottura 45′ Difficoltà esecuzione Media
Vegetariano > Impatto glicemico Basso

Per 4 persone
250 g di cicoria o di catalogna,
200 g di patate dolci a pasta arancione,
100 g di porri,
100 g di farina integrale,
120 g di ricotta di pecora,
20 g di pecorino romano grattugiato,
1 uovo,
1 foglia di alloro,
1 rametto di timo,
1 cucchiaio d’olio e. v. d’oliva,
sale, pepe,
noce moscata

1 Preparate la pasta impastando con cura la farina con l’uovo. Avvolgete l’impasto nella pellicola da cucina e lasciatelo riposare per mezz’ora.

2 Mondate la cicoria o la catalogna e lessatela in abbondante acqua salata per 10 minuti. Poi scolatela, strizzatela molto bene e tritatela con un coltello. Mescolate la verdura con la ricotta, il pecorino, una presa di sale, di pepe e di noce moscata. Lasciate insaporire la farcia.

3 Pelate le patate dolci e tagliatele a pezzetti, poi affettate i porri. Riuniteli in una casseruola con l’alloro, il timo e una presa di sale. Copriteli con acqua, mettete il coperchio e cuoceteli per 30
minuti. Eliminate le erbe aromatiche e frullate bene, aggiungendo acqua se necessario, fino a ricavare una crema densa e omogenea.

4 Prendete un quarto dell’impasto e ricavatene 2 palline. Stendete ciascuna con il mattarello fino a ottenere un disco abbastanza sottile. Proseguite con il resto dell’impasto ottenendo, in tutto, 8
dischi. Distribuite su 4 dischi il ripieno, schiacciandolo bene in modo che contenga meno aria possibile. Poi inumidite i bordi liberi della sfoglia e disponetevi sopra il secondo disco. Cercate di eliminare tutta l’aria nel raviolo mentre lo chiudete premendo bene i bordi con le dita. Rifilate i bordi aiutatovi con un coppapasta grande (circa di 12 cm di diametro) o con una ciotola rovesciata.

5 Lessate ogni raviolo da solo in acqua salata per 6-7 minuti e poi scolatelo delicatamente con una schiumarola direttamente nella fondina già ricoperta con la crema di patate dolci, completate con un filo d’olio e una grattugiata di pepe.

Vino consigliato : il Manzoni Bianco 6.0.13 sì ricava dall’uva omonima ed è un bianco dai profumi sottili di fiori venati di rimandi minerali; al palato vanta un ottimo equilibrio e nerbo vivido.

Clafoutis di broccoli

Preparazione 15′ Cottura 40′ Difficoltà esecuzione Semplice
Senza glutine > Vegetariano > Impatto glicemico Basso

Per 4 persone
400 g di broccoli,
200 g di robiola,
3 uova,
60 g di farina di mais per polenta istantanea,
20 g di farina di grano saraceno,
1 cucchiaio di erba cipollina secca,
la scorza grattugiata di mezzo limone,
150 g di latte scremato,
1 cucchiaio d’olio e. v. d’oliva,
noce moscata,
sale, pepe

1 Riducete i broccoli in dimette e poi sbollentatele per 5 minuti in abbondante acqua leggermente salata. Scolatele e tenetele da parte.

2 Battete le uova in una ciotola, poi unite la robiola e mescolate fino a ottenere una crema liscia. Quindi amalgamate il latte, l’erba cipollina, la scorza di limone, un pizzico di sale, pepe e noce
moscata. Per ultime incorporate la farina di mais e quella di grano saraceno lavorando con una frusta.

3 Ungete con l’olio una pirofila da circa 20×24 cm e formate uno strato uniforme con le cimette.
Versatevi sopra, quindi, la pastella e infornate a 220 °C per circa 35 minuti. Una volta tolto dal forno, lasciate raffreddare il clafoutis per qualche minuto prima di portarlo in tavola.

GUSTO PIÙ DECISO
Potete preparare la ricetta anche utilizzando sia il latte che la robiola di capra al posto di quelli vaccini.

Vino consigliato: Assecondate la vena vegetale dei broccoli abbinando un Sauvignon del Collio, bianco che ne riprende le trame aromatìche ma che ha la struttura per reggere la materia dei formaggi.

Mini crumble di mele al panettone

Preparazione 10′ Cottura 20′ Difficoltà esecuzione Facile
Vegetariano > Impatto glicemico Medio

Per 4 persone
300 g di mele,
150 g di panettone,
2 cucchiaini di zucchero di canna (preferibilmente tipo mascobado),
mezzo cucchiaio di zenzero fresco grattugiato,
mezzo cucchiaino di cannella in polvere,
la scorza grattugiata di un quarto di arancia

1 Lavate bene le mele e asciugatele. Privatele del torsolo senza sbucciarle e poi tagliatele a tocchetti.

2 Mescolate i dadini dì mela con lo zucchero, lo zenzero, la cannella e la scorza di arancia, facendo attenzione che alla fine siano cosparsi in modo uniforme.

3 Spezzettate il panettone e tritatelo nel mixer fino a ottenere un composto sbriciolato ma non troppo fine.

4 Dividete i dadini di mela in 4 ramequin di ceramica monoporzione e poi ricopriteli con le briciole di panettone.
Date via via dei colpetti sotto il fondo delle pirofile per fare penetrare un po’ di briciole anche tra le mele. Esaurite così il panettone in modo che formi un mucchietto appena sporgente dal ramequin.

5 Passate i crumble a 180 °C per 20 minuti. Lasciateli raffreddare per 10 minuti prima di servirli direttamente negli stampi. •

Vino consigliato: Non c’è vino migliore di un Moscato d’Asti per esaltare la frutta, la speziatura e il tocco sgrumato dì questi crumble a tema festaiolo. Servitelo ben fresco in ampie coppe.

Translate »

Enjoy this blog? Please spread the word :)