Weber

Smoky Flavor
Shop - advertising

Cucina naturale Ricette vegetariane e senza glutine

Acquista Online su SorgenteNatura.it

#Pizza

Per questa gustosa ricetta, che permette di preparare un pane alternativo, servono alcuni strumenti: l’essiccatore, il frullatore e un macinino da caffè. In alternativa all’essiccatore si può usare il forno a bassissima temperatura (non oltre i 40 gradi) per diverse ore, per non distruggere gli enzimi.

30 min. + 15 h M

Ingredienti della base:
2 tazze di semi di lino ridotti in polvere col macinacaffè
1 tazza di mandorle ridotte in polvere col macinacaffè
1 tazza di peperone a cubetti
1 tazza di polpa di carota frullata
1 tazza di pomodori secchi
erbe e aromi a piacere (basilico, origano, aglio, cipolla)
1 cucchiaio di succo di limone
sale q.b.
acqua q.b.
Ingredienti per il condimento:
3 pomodori
3 pomodori secchi
3 datteri
basilico
origano
aglio tritato
olive
rucola
funghi.

Per la base
• Ammollare per 30 minuti i pomodori secchi e poi scolarli. Mettere nel frullatore i pomodori, il peperone, gli aromi e frullare fino a omogeneizzare il tutto.
• Aggiungere un po’ alla volta le farine di mandorle e di semi di lino e la polpa di carota e l’acqua necessaria a rendere l’impasto morbido ma non troppo (come la pasta da pane).
• Spalmare l’impasto nella teglia dell’essiccatore ricoperta da carta da forno, lo strato deve essere spesso un centimetro e mezzo.
• Essiccare per 15 ore finché diventerà solido ma non troppo secco.

Per il condimento

• Condire la base per pizza con una salsa di pomodoro ottenuta frullando i pomodori freschi con i pomodori secchi e i datteri.
• Decorare poi la pizza con basilico, origano, aglio, olive, rucola, funghi o altre verdure ed erbe aromatiche a piacere.
• Mangiare subito o infilare di nuovo nell’essiccatore per qualche ora prima di gustare.

#Crackers_alla_pizzaiola

10 min. + 4 h + 15 F
Ingredienti:
2 tazze di semi di lino
(reidratati in 2 tazze
di acqua per 4 ore)
/2 tazza di pomodori
secchi ammollati e sciacquati
1 spicchio d’aglio
1/2 peperone
origano a piacere.

• Frullare i pomodori secchi con l’aglio, il peperone e l’origano.
• Aggiungere anche i semi di lino che nel frattempo avranno formato una massa gelatinosa; frullare il tutto fino a ottenere un composto omogeneo.
• Stendere il composto nelle placche dell’essiccatore in uno strato alto mezzo cm, utilizzando della carta da forno come base se necessario.
• Essiccare fino a ottenere delle sfoglie croccanti
(15 ore circa).

Crackers colorati

10 min. + 4 + 15 F
Ingredienti:
2 tazze di semi di lino dorati
(reidratati in 2 tazze d’acqua per 4 ore)
2 carote
1/z peperone giallo
1 cipolla
1 zucchina
basilico a piacere
1/2 tazza di semi di girasole macinati col macinacaffè
1/2 tazza di olive nere snocciolate.

• Frullare le verdure, aggiungere i semi di girasole e i semi di lino, che nel frattempo avranno formato una massa gelatinosa.
• Una volta ottenuto un composto omogeneo, spalmare uno strato alto mezzo cm sulle placche dell’essiccatore, utilizzando come base un foglio di carta da forno se necessario.
• Essiccare fino a ottenere delle sfoglie croccanti
(15 ore circa).

#Stone_Sushi

Preparazione 20 minuti     F
Ingredienti:

1/4 di peperone rosso tagliato a julienne
1 peperoncino fresco tritato
1/2 avocado tagliato a listarelle
3 pomodori secchi tagliati a listarelle
fogli di alga nori
2 cucchiai di tamari o shoyu.

  • Disporre le verdure sul foglio di alga nori la­sciando 2cm di spazio alle estremità, arrotolare il tutto fermamente e saldare i bordi del foglio di alga bagnando con un po’ di acqua.
  • Affettare il rotolo a rondelle di 3 o 4 cm con un coltello affilato.
  • II sushi può essere intinto nel tamari prima di essere mangiato.

#Quiche_ai_funghi_in_crosta_dii_patate_dolci

SENZA GLUTINE VEGETARIANO IMPATTO GLICEMICO BASSO
LAVORAZIONE 20′ COTTURA 50′ DIFFICOLTA’ MEDIA

Per 6 persone
600 g patate dolci a pasta arancione,
300 g di funghi misti (peso funghi già mondati),
4 uova, 160 g di caprino fresco di capra,
1 cucchiaio di pecorino romano grattugiato,
1 cucchiaio di erba cipollina disidratata (o fresca),
1 rametto di timo, 200 ml di latte di capra,
2 cucchiai d’olio e. v. d’oliva,
sale, pepe, noce moscata

1 Accendete il forno a 180 °C.
2 Sbucciate le patate dolci e tagliatele a fettine sottili aiutandovi con una mandolina. Disponetele, quindi, in uno stampo
antiaderente da 28 cm di diametro, spennellato con un cucchiaio d’olio, formando uno strato spesso sul fondo. Poi formate anche i bordi che devono essere alti almeno 2 cm con fette leggermente sovrapposte. Spolverate con sale e pepe e infornate per 20 minuti.
3 Tagliate a fettine i funghi e saltateli a fuoco vivace in padella per 10 minuti con un cucchiaio d’olio, sale e pepe.
Usate una padella abbastanza grande affinchè i funghi, rosolandosi in modo uniforme, non rilascino la loro acqua di vegetazione.
4 Battete le uova con la frusta, poi amalgamatevi i caprini, l’erba cipollina, il pecorino, una presa di sale, pepe e noce
moscata. Alla fine ammorbidite il composto con il latte.
5 Levate lo stampo dal forno e alzate la temperatura a 200 °C, quindi disponete in modo uniforme i funghi nel guscio di
patate e irrorateli con il composto alle uova. Infornate nuovamente per una trentina di minuti.
6 Lasciate raffreddare la quiche per una decina di minuti prima di tagliarla e servirla. Accompagnatela con un’insalata.

di Paola Galloni Esperta di cucina light • foto di Luca Colombo da rivista Cucina naturale

SPAGHETTI PRIMAVERA

1 cipolla di media grossezza, 6 cucchiai d’olio extravergine d’oliva, 4 carote, I gambo di sedano, 2 zucchine, 100 g di piselli sgranati, sale, 1 mazzetto di prezzemolo, 400 g di spaghetti, 2-3 cucchiai di gomasio.

Sbucciate la cipolla, affettatela e fatela saltare in un tegame con l’olio, mescolando per evitare che possa bruciacchiarsi.
Aggiungete le carote pulite e affettate a rondelle, il sedano pulito e tagliato a pezzetti, le zucchine pulite e affettate anch’esse a rondelle e i piselli sgranati.
Stufate le verdure a fuoco moderato e tegame coperto e aggiustate di sale al termine della cottura.
Solo allora unite il prezzemolo mondato, lavato, asciugato e tritato. Mettete sul fuoco la pentola per la cottura della pasta, portate l’acqua a bollore, salate e calatevi gli spaghetti. Cuoceteli a puntino e quindi scolateli, riversateli in una zuppiera e conditeli con il sugo, spolverando di gomasio.

SPAGHETTI ALLA CIPOLLA
5 pomodori maturi e sodi, 3 cipolle, origano, 6 cucchiai d’olio extravergine d’o¬liva, 400 g di spaghetti sottili, sale.

La preparazione della salsa consigliata in questa ricetta richiede una macerazione piuttosto prolungata e dunque bisogna programmarla con un adeguato anticipo.
Mondate, lavate, asciugate e tagliate a pezzi o a cubetti i pomodori, versateli in una zuppiera con il loro sugo e aggiungete le cipolle sbucciate e affettate molto sottilmente, una generosa presa di origano e l’olio, lasciando quindi macerare il tutto per armeno 8 ore al fresco.
Trascorso questo tempo, mettete sul fuoco la pentola per la cottura della pasta, portate l’acqua a bollore, salate e calatevi gli spaghetti. Portateli a cottura, scolateli accuratamente, riversateli nella zuppiera del condimento e mescolateli, in modo da amalgamare bene i sapori, aggiungendo eventualmente un filo d’olio.

ricette da da Il Cucchiaio Verde a cura di Walter Pedrotti DEMETRA

TAGLIATELLE CON FUNGHI E POMODORI

200 g di funghi, 8 cucchiai d’olio extravergine d’oliva, 300 g di pomodori maturi e sodi, sale, peperoncino rosso in polvere, 400 g di tagliatene, I mazzetto di prezzemolo, parmigiano grattugiato.

Se è possibile impiegare funghi di bosco, tanto meglio; se invece non c’è altra scelta che l’impiego di funghi coltivati, non scoraggiatevi.
Anche in questo caso le tagliatelle risulteranno appetitose e saporite.
Cominciate dalla pulizia dei funghi: mondateli con pazienza delle parti terrose o non commestibili, lavateli rapidamente sotto acqua corrente, asciugateli, affettateli, metteteli in un tegame con l’olio e la polpa dei pomodori sbucciati e passati al setaccio; dopo qualche minuto di cottura a fuoco allegro, fateli cuocere a fuoco moderato per circa mezzora, a tegame coperto, aggiustando infine di sale e insaporendo con del peperoncino.
Mettete sul fuoco la pentola per la cottura della pasta; quando l’acqua è in ebollizione, salatela e calatevi le tagliatelle. Cuocetele al punto giusto e infine scolatele, riversatele in una zuppiera, conditele con la salsa di funghi e pomodori e il prezzemolo pulito, lavato, asciugato e tritato.
Portatele in tavola servendo a parte il formaggio parmigiano grattugiato.

TAGLIATELLE AI CARCIOFI

2 nova, 4 carciofi, il succo di 1 limone, 2 cucchiai d’olio extravergine d’oliva, 30 g di burro, 1/2 bicchiere di vino bianco secco, sale, peperoncino rosso in polvere, 400 g di tagliatelle.

Fate rassodare le uova cuocendole per 10 minuti – contandoli da quando l’acqua inizia a bollire. Quindi scolatele, mettetele sotto l’acqua fredda e sgusciatele. Mondate i carciofi eliminando le spine e le foglie dure, tagliateli a sottili fettine e metteteli in acqua acidulata con il succo del limone. Fate scaldare l’olio e metà del burro in una casseruola, unitevi i carciofi ben scolati, lasciateli insaporire per alcuni minuti, poi spruzzateli con il vino bianco, salateli, insaporiteli con il peperoncino e continuate la cottura a fiamma piuttosto bassa per circa mezzora.
Tagliate a metà le uova sode, mettete i tuorli in una ciotola e riducete a dadini gli albumi, trasferendoli in una terrina. Ai tuorli aggiungete il burro rimasto, amalgamate il tutto con molta cura servendovi di una forchetta, quindi unite il composto ai carciofi pochi istanti prima di considerare conclusa la loro cottura.
Mettete sul fuoco una pentola con l’acqua necessaria alla cottura delle tagliatelle e portate a bollore; salate e calate la pasta, cuocetela a puntino, scolatela e versatela nella terrina con gli albumi, condendo infine con il sugo ai carciofi. Dopo aver mescolato con cura, portate in tavola.

TAGLIATELLE CON FUNGHI E PEPERONI

1 piccola cipolla, 1 spicchio d’aglio, 8 cucchiai di olio extravergine d’oliva, 30 g di funghi secchi, 1 peperone verde di media grossezza, 200 g di pomodori pela¬ti, 6 foglie di basilico, 400 g di tagliatene, sale, peperoncino rosso in polvere.

Sbucciate la cipolla e tritatela finemente, quindi sbucciate e tritate anche l’aglio. Versate l’olio in una casseruola, scaldatelo e unitevi la cipolla e l’aglio tritati, rosolateli leggermente tenendoli mescolati con il cucchiaio di legno e quindi unitevi i funghi che avrete precedentemente lasciato in ammollo e accuratamente sgocciolato.
Dopo qualche minuto di cottura, aggiungete il peperone lavato, privato del torsolo e dei semi e tagliato a dadini, poca acqua calda, i pomodori pelati e 3 foglie di basilico sminuzzate.
Lasciate sul fuoco per una ventina di minuti, cuocendo a fiamma piuttosto moderata, mescolate di tanto in tanto e quindi unite le rimanenti foglie di basilico intere e togliete la casseruola dal fuoco.
A quel punto o poco prima potrete mettere sul fuoco la pentola per la cottura delle tagliatene. Quando l’acqua inizia a bollire, salatela, calatevi le tagliatene e lessatele al dente. Quindi scolatele, riversatele in una zuppiera e conditele con il sugo, cospargendole di polvere di peperoncino a piacere.

TAGLIATELLE AI PEPERONI

1 peperone verde, 1 grosso peperone giallo, 6-8 cucchiai d’olio extravergine d’o¬liva, 1 cucchiaio di polvere per curry, sale, 400 g di tagliatene, 5 foglie di basili¬co fresco, 2 spicchi d’aglio.

Lavate anzitutto i peperoni, asciugateli, privateli del torsolo e dei semi, tagliateli a fettine e scottateli in un tegame con l’olio per alcuni minuti.
Abbassate quindi la fiamma, aggiungete la polvere per curry e ammorbiditeli stufandoli a tegame coperto per una ventina di minuti, mescolando di tanto in tanto con il cucchiaio di legno e aggiustando infine di sale.
Passate poi alla cottura della pasta: mettete sul fuoco una pentola, portate l’acqua a ebollizione, salate e calatevi le tagliatelle.
Portatele a cottura, scolatele e riversatele nel tegame nel quale avete cucinato i peperoni, aggiungetevi le foglie di basilico sminuzzate grossolanamente, l’aglio sbucciato e affettato finemente e un filo d’olio.
Per concludere mescolate accuratamente il tutto e, dopo aver lasciato sul fuoco per un paio di minuti, portate in tavola.

Translate »
Scroll Up