Biscotti e pasticcini

Biscotti Halloween

Biscotti horror

Ingredienti per 4 persone
200 g di zucchero
100 g di burro
350 g di farina bianca “oo”
1/2 cucchiaio di lievito
1 uovo
2 cucchiai di latte
150 g di confettura di zucca

Preparazione 20 minuti Cottura 10 minuti Esecuzione facile / Vino nessun vino consigliato

Impastate velocemente lo zucchero, il burro ammorbidito, l’uovo, la farina, il lievito e il latte.
Avvolgete il composto in un foglio di pellicola e lasciate riposare in frigorifero per mezz’ora.
Tirate la pasta all’altezza di 4 mm, quindi ritagliate dei cerchi; su metà dei biscotti intagliate con un coltello la bocca e gli occhi.
Disponete i biscotti su una placca ricoperta con carta da forno e cuoceteli in forno a 180°C per 5-7 minuti, poi lasciateli raffreddare.

Nel frattempo scaldate per qualche minuto la confettura di zucca e passatela al mixer. Stendetene un velo sul cerchio rotondo e coprite con quello decorato, aggiungendo, se necessario, un po’ di marmellata negli intagli delle decorazioni.

La curiosità Le formine, di latta o di acciaio inossidabile, sono ormai disponibili nelle forme più strane e curiose.
Per non rovinare il taglio, dopo l’uso ricordatevi di riporle in una scatola di plastica.

Bignè di San Giuseppe

Ingredienti per sei persone:
un etto e ottanta grammi di farina, quattro uova intere e due tuorli,
mezz’etto di burro,
una cucchiaiata di zucchero,
un limone,
una bustina di zucchero al velo vanigliato,
abbondante olio per friggere, sale.
Il tempo necessario: circa un’ora e mezzo La difficoltà: □□
Portare all’ebollizione, in una casseruola, un quarto circa di acqua a cui si sarà aggiunto il burro e un pizzico di sale. Appena l’ebollizione si accenna, scostare il recipiente dal fuoco e unire in un sol colpo la farina, mescolando energicamente con un cucchiaio di legno.
Rimettere al fuoco e continuare a mescolare energicamente sbattendo con forza il composto contro le pareti del recipiente. Quando la pasta si staccherà dalle pareti sfrigolando, togliere dal fuoco, lasciar intiepidire, quindi incorporare, uno alla volta, le uova intere e i tuorli. Completare con lo zucchero e con la scorza grattugiata del limone e continuare a lavorare l’impasto, per qualche minuto, con un cucchiaio di legno. Coprire il recipiente e lasciare un poco riposare la pasta.
Scaldare l’olio e friggervi la pasta a piccoli pezzi, a calore moderato, in modo che si gonfino e si dorino uniformemente; sgocciolare i bignè su una carta assorbente e proseguire l’operazione fino ad aver esaurito la pasta. Disporli su un piatto da portata e spolverizzarli con lo zucchero al velo vanigliato. Accompagnare con Vln Santo della Toscana o Moscato dell’Elba o Greco di Gerace.

Amaretti alle mandorle

Ingredienti per sei persone:
due etti di mandorle già sgusciate, due etti e mezzo di zucchero, quattro mandorle amare, tre albumi, poco burro, poca farina.
Il tempo necessario: circa un’ora e mezzo La difficoltà: □□□
Pestare le mandorle nel mortaio, versarle in una terrina, aggiungervi lo zucchero e gli albumi e mescolare bene con un cucchiaio di legno (si dovrà ottenere un composto di una certa consistenza).
Imburrare e infarinare la placca del forno e distribuirvi il composto con un cucchiaino, formando tanti piccoli mucchietti piuttosto distanti l’uno dall’altro perché durante la cottura si allargheranno notevolmente. Ci si potrà servire anche di una siringa da pasticceria: il composto verrà così distribuito più regolarmente.
Passare in forno molto moderato e sfornare quando gli amaretti avranno preso un bel colore biondo. Staccarli dalla placca, lasciarli raffreddare e conservarli in vasi di vetro.
Accompagnare con Moscato Naturale d’Asti o Min Santo della Toscana.

Biscotti fiamminghi alle mandorle

Ingredienti per sei persone: due etti e mezzo di farina, due etti e mezzo di zucchero, un etto di mandorle, due uova, poco burro, poco latte. Il tempo necessario: circa tre quarti d’ora La difficoltà: OH
Versare la farina sulla spianatoia, mescolarvi lo zucchero, fare al centro la fontana, mettervi nel mezzo le uova e impastare aggiungendo, se necessario, un poco di latte (la pasta dovrà essere piuttosto soffice). Imburrare la placca del forno; riempire con la pasta preparata una tasca di tela con bocchetta liscia e farla scendere sulla placca sotto forma di linguettine. Sbucciare le mandorle, tritarle e distribuirle sui biscotti.
Cuocere in forno a calore medio fin quando i biscotti saranno divenuti ben dorati; sfornarli e staccarli dalla placca con una spatolina.
Accompagnare con Moscato d’Asti Spumante o Moscato di Trani o Moscato di Noto.

Choux caramellati allo zabaione

Ingredienti per sei persone: una pasta da choux (vedere ricetta Pasta da choux Ingredienti: un etto e mezzo di farina, settanta grammi di burro, cinque uova, sale. Il tempo necessario: circa tre quarti d’ora La difficoltà: DD
Versare un quarto circa di acqua in una casseruola, unire il burro e mezzo cucchiaino di sale e portare all’ebollizione. Appena si accenna, togliere la casseruola dal fuoco e versarvi, in un solo colpo, la farina setacciata. Mescolare bene con un cucchiaio di legno, rimettere la casseruola sul fuoco e continuare a mescolare energicamente fin quando la pasta si staccherà sfrigolando dalle pareti del recipiente. Togliere dal fuoco, lasciare intiepidire la pasta e incorporarvi, uno alla volta, le uova: si dovrà ottenere una pasta liscia e vellutata. Mescolare settanta grammi di farina con il lievito sciolto in poca acqua tiepida aggiungendo la quantità di acqua sufficiente per ottenere un impasto molle; metterlo in una terrina e lasciarlo lievitare per venti minuti. Versare la rimanente farina in una larga terrina (tenerne da parte circa quindici grammi), fare al centro la fontana, mettervi in mezzo l’impasto lievitato spezzettato, le uova, un pizzico di sale e un po’ di latte tiepido (circa mezzo decilitro). Impastare gli ingredienti e lavorare la pasta energicamente sbattendola contro le pareti della terrina fino a renderla ben omogenea e piuttosto elastica. Impastare il burro con la farina tenuta da parte e incorporarlo, a pezzetti, alla pasta. Infarinare leggermente una terrina, mettervi la pasta, coprirla con un canovaccio e lasciarla lievitare per qualche ora: dovrà raddoppiare di volume. Lavorarla ancora e aggiungervi lo zucchero diluito con poca acqua.), uno zabaione (vedere ricetta: Si battono in una casseruolina  quattro tuorli con un etto di zucchero; quando il composto è ben gonfio vi si aggiungono, adagio, otto cucchiaiate di marsala secco. Si cuoce a bagnomaria, continuando a mescolare, fin quando la crema comincia a ispessire (non deve mai bollire). Lo zabaione si può completare con qualche cucchiaio di panna montata. ), un etto di zucchero, un uovo, poco burro. Il tempo necessario: circa due ore La difficoltà: DDD
Mettere la pasta da choux in una tasca di tela con bocchetta a foro liscio piuttosto grosso e farla scendere, a mucchietti ben distanziati, sulla placca del forno imburrata. Pennellare con l’uovo sbattuto la superficie degli choux, quindi cuocere in forno a calore medio, per circa un quarto d’ora, evitando di aprire il forno nei primi dieci minuti. Sfornare gli choux cotti e ben dorati e lasciarli raffreddare.
Praticare su un lato di ciascuno choux un taglietto, mettere lo zabaione in una siringa da pasticceria con bocchetta piccola e farcire tutti gli choux. Mettere al fuoco, in una casseruolina, lo zucchero con pochissima acqua e cuocerlo fin quando avrà assunto il caratteristico colore biondo del caramello; toglierlo dal fuoco e immergervi la parte superiore degli choux, appoggiandoli a mano a mano su un piatto in modo da formare una montagnola. Accompagnare con Moscato Naturale d’Asti o Moscato del Salento o Moscato di Pantelleria.

Meringhe alla panna

Ingredienti per sei persone: quattro albumi, tre etti di zucchero al velo panna montata, poco burro, poca farina. Il tempo necessario: circa un’ora La difficoltà: DD
Battere gli albumi con una frusta iniziando a lavorare con un movimento molto lento e aumentando gradatamente la velocità; quando saranno ben montati e sodi unire lo zucchero al velo fatto scendere da un setaccino, mescolando con delicatezza. Imburrare leggermente la placca del forno, foderarla con un foglio di carta oleata, imburrare anche questo e spolverizzarlo di farina. Riempire con la meringà una tasca di tela con bocchetta a foro liscio e farla scendere a ciuffi ben distanziati sulla placca de! forno. Lasciar riposare per qualche minuto, quindi passare in forno moderatissimo tenendo lo sportello leggermente aperto; lasciare le meringhe in forno per circa mezz’ora: dovranno asciugarsi completamente senza colorire.Staccarle dalla placca, lasciarlo raffreddare,quindi accoppiarle mettendo tra una e l’altra uno strato di panna montata. Volendo, si potrà servire a parte una crema al cioccolato.Accompagnare con Moscato Naturale d’Asti o Prosecco di Conegliano o Malvasia del Vulture.