Ricette con il pane Mulino Bianco Barilla

Antipasti, buffet, snacks

Tramezzini fantasia

Tempo: circa 30 minuti. Grado di difficoltà: facilissima

Ingredienti per 4 persone: una confezione di Pane Carré del Mulino Bianco da dodici fette, burro, quattro uovo sode, tre pomodori rotondi e possibilmente tutti uguali, una cipolla, un vasetto di maionese, quattro sardine, quattro filetti di acciuga, un vasetto di olive verdi farcite, 100 g di prosciutto cotto, poco sale, 70 g di formaggio cremoso.
Levate le fette di Pane Carré dalla confezione, sovrapponetene quattro ed eliminate tutta la crosta intorno: poi dividete ogni fetta a metà, in due rettangoli. Imburrate abbondantemente gli otto rettangoli; sgusciate le uova sode e tagliatele a rondelle: lavate e affettate i pomodori; disponete su quattro rettangoli le fette di due uova sode leggermente accavallate e sopra a queste posate due o tre fettine di pomodori. Salate leggermente e distribuite sui pomodori un po’ di cipolla tritata. Coprite con i restanti rettangoli imburrati, comprimete leggermente i tramezzini e infilzate nel mezzo di ciascuno uno stecchino. Levate la crosta ad altre quattro fette di pane e dividetele a metà: spalmate i rettangoli ottenuti con un buon strato di maionese. Adagiate sulla salsa le restanti rondelle di uova sode, questa volta non accavallate. Aprite a libro le sardine, estraete la lisca centrale e richiudetele, posandole sopra le uova. Coprite con i quattro rettangoli di pane spalmato di maionese, pressate leggermente i tramezzini e fissateli con uno stecchino. Tritate il prosciutto cotto e mescolatelo con il formaggio cremoso. Levate la crosta al pane rimasto, tagliate ogni fetta in due rettangoli, imburrateli e su metà di essi mettete uno strato consistente di prosciutto e formaggio. Posatevi sopra un filetto di acciuga, coprite con un altro rettangolo di pane imburrato e pressate per far aderire i tramezzini. Fissateli con gli stecchini. Alla fine, infilate sulla sommità di ogni stecchino un’oliva farcita, infilzandola ovviamente di lato e non su uno dei «poli» dove è inserito il peperone.

Tramezzini gustosi

Tempo: 20 minuti. Grado di difficoltà: facilissima

Ingredienti per 4 persone: dodici fette di Pane Carré del Mulino Bianco, 100 g di mascarpone, 100 g di salame, 50 g di olive verdi snocciolate, un tubetto di maionese, due pomodori, sale.
Tritate finemente il salame e, a parte, le olive verdi. Mettete il mascarpone in una terrina, unitevi il salame e le olive tritati e insaporite con un pizzico di sale. Mescolate bene. Levate la crosta alle fette di Pane Carré, tagliatele a triangoli e spalmateli di maionese. Distribuite ora su metà dei rettangoli il composto preparato in precedenza, formando uno strato consistente; posatevi sopra due rondelle di pomodoro (abbiate l’avvertenza di scegliere pomodori piccoli), salatele un po’ e coprite con altro triangolo spalmato di maionese. Fissate ogni tramezzino con uno stecchino e serviteli in un buffet freddo.

Toast «Tris»

Tempo: 15 minuti.
Ingredienti per 4 persone: dodici fette di Pane Carré del Mulino Bianco, burro, 100 g di gorgonzola, sedici fette di salame, poco sale, un cucchiaio di gin.
Mettete in una ciotola 50 g di burro fatto prima ammorbidire a temperatura ambiente. Lavoratelo con un cucchiaio di legno, poi incorporatevi il gorgonzola (che dovrà essere molto grasso) tagliato a pezzettini e lavorate i due ingredienti con una forchetta, in modo da amalgamarli bene, ottenendo una crema omogenea; insaporitela con un pizzichino di sale e il gin, mescolando ancora. Prendete ora una fetta di pane, spalmatela di crema, posatevi sopra due fette di salame; coprite con una fetta di pane spalmata di crema. Poi mettete un po’ di composto anche sulla parte superiore di questa fetta di pane, adagiatevi sopra altre due fette di salame e terminate il «toast tris» con una terza fetta di pane spalmata di burro e gorgonzola ovviamente solo dalla parte a contatto con il salame. Pressate bene il toast con le palme delle mani. Preparate allo stesso modo gli altri tre. A questo punto, se avete un tostapane sufficientemente capace potete introdurvi i toast (che risultano però più alti di un toast normale). Altrimenti posateli sulla placca del forno e introduceteli nel forno acceso a 250° lasciandoli tostare per qualche minuto. Serviteli ben caldi, come spuntino rapido.

Toast cordon bleu

Tempo: circa 15 minuti. Grado di difficoltà: facilissima

Ingredienti per 4 persone: quattro fette di Pane Carré del Mulino Bianco, 250 g di paté di fegato d’oca, due cipolle, burro, sale, pepe, quattro grossi cetrioli sotto aceto, tomato ketchup.

Nell’acquistare il paté di fegato fatevelo tagliare in otto fettine; oppure tagliatelo voi dopo averlo tenuto in frigo per almeno un paio d’ore in modo che sia piuttosto duro e più facile da tagliare. Tostate le fette di pane e imburratele abbondantemente; posate su ogni fetta due fette di paté. Lasciate momentaneamente in attesa. Tritate le cipolle e fatele appassire nel burro (circa 40 g) fino a che saranno dorate (ma attenzione, non fritte); salatele e pepatele. Distribuite le cipolle fritte sul paté, poi posate su ogni toast un cetriolo tagliato a ventaglio e versate sul cetriolo una «colata» di salsa ketchup. Si tratta di un sostanzioso spuntino, adatto per una colazione in piedi o una cenetta rustica e veloce.

 

Crostoni marinari

Tempo:
circa 30 minuti. Grado di difficoltà: facile

Ingredienti per 4 persone: due filoni di pane bianco lunghi abbastanza per poterne ricavare dodici fette alte circa tre dita, dodici cozze molto grosse oppure dodici conchiglie Saint Jacques, sale, peperoncino in polvere, olio, prezzemolo freschissimo, pane grattato, il succo di un limone, vino bianco, due spicchi di aglio.

Tagliate i filoni di pane a fette come spiegato sopra e preferibilmente in senso leggermente trasversale (a fetta di salame): con un cucchiaino scavate fuori la mollica nella parte centrale (facendo ben attenzione a non bucare quella sottostante), in modo da creare delle vaschette che contengano i frutti di mare prescelti. Lavate accuratamente le cozze o le conchiglie Saint Jacques, strofinandole con una spazzola dura sotto l’acqua corrente. Mettetele in una padella, distribuitevi sopra l’aglio tagliato a lamelle; spruzzatele con un bicchiere di vino bianco, coprite il recipiente e portatelo su fuoco vivo, lasciando aprire i molluschi al calore e lasciandoli poi sobbollire per qualche istante in modo che si profumino di vino e aglio. Toglieteli quindi dal fuoco ed estraete i molluschi dalle valve, adagiandoli nelle vaschette di pane. Spolverizzateli con un po’ di sale e con un pizzico di peperoncino in polvere; lavate e tritate il prezzemolo, mescolatelo con una manciata di pane grattato finissimo e distribuite il miscuglio sulle cozze; spruzzatele con qualche goccia di olio e disponete i crostoni così preparati sulla placca del forno appena appena unta di olio. Mettete in forno preriscaldato a 180° lasciandoveli per 15 minuti. Servite i crostoni ben caldi.

Crostoni di fegatini

Tempo: circa 20 minuti. Grado di difficoltà: facilissima

Ingredienti per 4 persone: otto fette di pane toscano, olio, quattro fegatini di pollo, uno spicchio di aglio, mezza cipolla, qualche foglia di salvia, un pugnetto di capperi, tre filetti di acciuga, due buone manciate di grana grattugiato, mezzo bicchiere di vino bianco, sale, pepe. Eventualmente: brodo.

Tritate finemente l’aglio e la salvia, prima mondati, e metteteli in una padella con tre cucchiai di olio; fate imbiondire a fuoco dolce, poi aggiungete i fegatini puliti, lavati e tagliati a pezzetti piccoli. Non appena avranno preso colore, spruzzateli con il vino bianco e, quando questo sarà evaporato, unite le acciughe a pezzettini, i capperi tritati, poco sale e pepe. Mescolate su fuoco abbastanza vivo, cercando di schiacciare un po’ le acciughe, in modo che si sciolgano nel sugo. Frattanto fate friggere in olio caldo le fette di pane, senza però che si dorino troppo: distribuitevi sopra il composto di fegatini e cospargete con il grana grattugiato, mettendo i crostoni solo per qualche istante sotto il grill del forno. Se preferite il pane più morbido, prima di mettervi sopra i fegatini potete spruzzarlo con un pochino di brodo.

Crostoni dorati ai funghi

Tempo: circa 1 ora. Grado di difficoltà: facile

Ingredienti per 4 persone: ventiquattro fette di Pane Carré del Mulino Bianco, burro, farina, brodo, 40 g di funghi secchi, sale, pepe, olio, uno spicchio di aglio, latte, due uovo, pane grattato.

Mettete innanzitutto a bagno i funghi secchi in acqua calda, per farli ben rinvenire. Nel frattempo preparare la salsa vellutata; fate sciogliere 30 g di burro in una casseruolina; stemperatevi dentro due cucchiai rasi di farina e, non appena questa sarà imbiondita, diluitela con un quarto abbondante di brodo caldo, mescolando senza interruzione per evitare la formazione di grumi. Insaporite con un pochino di sale e pepe, poi fate cuocere la salsa per 10 minuti, sempre rimestando. Levatela dal fuoco e passate sulla salsa un pezzette di burro infilato su una forchetta, così da formare un velo di unto che eviterà alla salsa di asciugarsi in superficie. Lavate i funghi, triturateli e fateli saltare allegramente con 2 cucchiai di olio e lo spicchio di aglio tritato. Appena saranno rosolati, abbassate la fiamma, salateli, pepateli, bagnateli con un mestolo di brodo e fateli cuocere per circa 15-20 minuti, in modo che alla fine risultino asciutti. Poi incorporateli alla salsa, mescolando bene. Con un bicchiere da vino ricavate dalle fette di pane ventiquattro dischi: passatene due alla volta in un po’ di latte, strizzatele, poi spalmate su un disco un buon strato di composto di salsa e funghi e copritelo con un altro disco così da formare un sandwich. Preparate allo stesso modo tutti gli altri. Passate i crostoni prima in un velo di farina, poi nelle uova frullate con un po’ di sale e infine nel pane grattato. Friggeteli in abbondante olio caldo, poneteli a sgocciolare su carta assorbente e tenete in caldo quelli pronti mentre friggete gli altri. Serviteli caldi come antipasto.

Panini con Wurstel

Tempo: circa 20 minuti. Grado di difficoltà: facile

Ingredienti per 4 persone: quattro panini ovali grandi abbastanza per poter contenere agevolmente un wurstel (regolatevi quindi al momento dell’acquisto), quattro wurstel, due cetriolini, una manciatina di capperi, due cipolline sotto aceto, un cucchiaino di senape piccante, 2 filetti di acciuga, un tubetto di maionese pronta, un pò ‘ di succo di limone.

Mettete la maionese in una ciotolina, unitevi qualche goccia di succo di limone e i capperi, i cetriolini le acciughe e le cipolline che avrete in precedenza tritato finissimi o passati addirittura nel mixer; mescolate poi incorporate la senape, amalgamando bene. Lasciate la salsa momentaneamente in attesa. Sbollentate i wurstel per 2-3 minuti, poi scolateli e lasciateli raffreddare. Aprite i panini per il lungo, avendo l’avvertenza di praticare il taglio a due terzi di altezza, cioè più verso la calotta; poi svuotateli interamente della mollica. Mettete le salsa preparata in una siringa per dolci e spremete nell’interno di ciascun panino un grosso «cordone» di salsa; adagiatevi sopra il wurstel e copritelo con un’altra striscia ondulata di salsa. Ricomponete i panini con la calottina tolta all’inizio e serviteli per un gustoso spuntino.

Crostoni ai gamberì

Tempo: circa 40 minuti. Grado di difficoltà: facile

Ingredienti per 4 persone: otto fette di Pane Carré del Mulino Bianco, sedici gamberoni con il guscio, burro, farina, brodo, sale, pepe, parmigiano grattugiato, due tuorli, una foglia di alloro, un limone.

Lavate i gamberoni con il guscio, poi tuffateli in una casseruola nella quale avrete fatto bollire un litro di acqua con la foglia di alloro, una presa di sale, una scorza di limone e qualche granello di pepe. Lasciateli cuocere per circa 10 minuti, poi scolateli e sgusciateli, eliminando il filino nero dell’intestino (che è un po’ amarognolo). Con un bicchiere da acqua e uno stampino tagliapasta ricavate dalle fette di pane dei dischi grandi abbastanza per contenere due gamberoni ravvicinati e messi a cerchio. Imburrate i dischi di pane e posatevi sopra i crostacei, lasciandoli momentaneamente in attesa. Fate fondere in una casseruolina 30 g di burro, unitevi un cucchiaio di farina e, non appena sarà imbiondita, diluitela con un quarto di brodo caldo, sempre mescolando. Insaporite con poco sale (in quanto il brodo è già sapido), una macinata di pepe e fate cuocere la salsa per 10 minuti, senza smettere di rimestare. Levatela dal fuoco, incorporatevi due buone manciate di parmigiano grattugiato e i tuorli, mescolando con cura per amalgamare. Disponete i crostoni con sopra i gamberi in una larga teglia imburrata, versatevi sopra la salsa preparata, cercando di non sbordare troppo e introducete il recipiente in forno, acceso a 200° lasciandovelo per 15-20 minuti, affinchè la superficie dei crostoni possa gratinarsi bene. Serviteli ben caldi sia come antipasto, sia come secondo piatto leggero.

Crostoni di acciughe

Tempo: circa 30 minuti. Grado di difficoltà: facilissima

Ingredienti per 4 persone: otto acciughe grosse e molto fresche, otto fette di Pane Carré del Mulino Bianco, due spicchi di aglio, cinque cucchiai di buon olio d’oliva, sale, pepe.
Pulite le acciughe; eliminate le teste, apritele a metà eliminando le interiora. Lavatele e asciugatele bene, poi tagliatele a pezzettini. Fate scaldare l’olio con gli spicchi di aglio; quando questi saranno ben imbionditi levateli e nel tegame mettete le acciughe; fatele cuocere, spappolandole con una forchetta, fino a che le avrete ridotte in crema. Insaporite il composto con sale e pepe. Fate leggermente tostare le fette di pane, poi copritele con uno strato di crema di acciughe e servitele calde. Sono un gustoso snack o un antipasto caldo per una cena «informale».

Primi

Acquacotta con funghi

Tempo: circa 25 minuti. Grado di difficoltà: facilissima

Ingredienti per 4 persone: otto fette di pane casereccio, due spicchi di aglio, cinque cucchiai di olio, una scatola dipelati da 400 g, due uovo, 75 g di grana grattugiato, sale, pepe, 200 g di funghi coltivati.

Pulite i funghi, eliminando tutto il terriccio che hanno attaccato; lavateli sotto l’acqua corrente e tagliateli a fettine. Sbucciate e tritate l’aglio: mettetelo in una casseruola con l’olio e fatelo rosolare. Unite i funghi e, a fuoco vivo, fate buttare l’acqua di vegetazione. Aggiungete ora i pelati prima ben schiacciati con la forchetta. Lasciate andare per 5 minuti ancora, sempre a fuoco allegro, in modo che il sugo si asciughi leggermente; poi versate un litro e un quarto di acqua calda. Regolate di sale, pepate a gusto e fate cuocere per 15 minuti, a fiamma un po’ più bassa e a recipiente scoperto. Frattanto tostate le fette di pane, nel forno o nel tostapane. Predisponete quattro fondine o quattro ciotole da minestra; adagiatevi sul fondo le fette di pane (due per piatto) cospargete con due terzi del grana grattugiato. In una terrina sgusciate le uova, frullatele con un po’ di sale e con il restante formaggio grattugiato; poi versatele nella zuppa bollente fuori dal fuoco e sbattetele con una frusta in modo da amalgamare gli ingredienti. Distribuite ora l’acquacotta nelle fondine o nelle ciotole, sul pane. Lasciate riposare un attimo, poi servite. Si tratta di un piatto antico, semplice, povero ma molto gustoso.

Panzanella

Tempo: circa 20 minuti più 1 ora di riposo. Grado di difficoltà: facile

Ingredienti per 4 persone: otto fette di pane toscano raffermo, quattro pomodori maturi, una cipolla, un cetriolo, olio extravergine di oliva, una manciatina di capperi, due-tre filetti di acciuga, uno spicchio di aglio, un peperoncino rosso, sale.

Immergete le fette di pane in un po’ di acqua o di brodo freddo per ammorbidirle, poi adagiatele in una terrina larga e bassa; unitevi i pomodori lavati e tagliati a fettine sottili, il cetriolo sbucciato e affettato e la cipolla sbucciata e tagliata ad anelli. Insaporite il tutto con sale. Mettete nel mortaio i capperi, i filetti di acciuga, lo spicchio di aglio sbucciato e il peperoncino privato dei semini interni. Pestate questi ingredienti, unendo man mano un filo di olio, fino a ottenere una piccante salsetta che verserete sulla panzanella. Coprite la terrina e lasciate riposare la preparazione per 1 ora. Al momento di andare in tavola, mescolate con delicatezza e, se volete, unite ancora un po’ di olio.

Zuppa di uova in camicia

Tempo: circa 30 minuti. Grado di difficoltà: facilissima

Ingredienti per 4 persone: quattro uova, aceto, dodici fette di Pane Carré del Mulino Bianco, brodo di carne o di pollo, due cucchiai di aromi misti tritati (prezzemolo, basilico, menta) burro, grana grattugiato, sale, pepe.

Portate a ebollizione un litro di acqua leggermente salata e acidulata con due cucchiai di aceto; sgusciate un uovo alla volta in un piatto, poi fatelo scivolare nel liquido a lievissimo bollore e lasciatele cuocere per 3 minuti, affinchè l’albume si rassodi e avvolga il tuorlo che resterà morbido all’interno. Frattanto tagliate le fette di Pane Carré senza crosta in quattro quadrati ciascuna; fate spumeggiare abbondante burro in una padella di ferro e buttatevi a friggere i crostini di Pane Carré in due riprese, facendoli ben dorare da ogni parte e tenendo in caldo quelli pronti mentre friggete la successiva «ondata». Quando le uova saranno pronte scolatele con una schiumarola e mettetele su un canovaccio ad asciugare. Prendete ora delle pirofile da porzione; fate sul fondo di ciascun recipiente uno strato di crostini di pane, posatevi sopra un uovo affogato e circondatelo con altri crostini. Bagnate il pane con un paio di mestoli di brodo caldo e cospargete tutto con abbondante grana grattugiato, con un po’ di trito) aromatico e molto pepe. Introducete le pirofile in forno, acceso a 200° e lasciatevele per 6-7 minuti, affinchè il formaggio si fonda e il liquido si asciughi in parte. Servite ben caldo.

Zuppa di pane e carne

Tempo: circa 30 minuti. Grado di difficoltà: facile

Ingredienti per 4 persone: 250 g di carne di vitello tritata, 100 g di caciocavallo, 100 g di fegatini di pollo, otto fette di pane casereccio, un uovo, 60 g di burro, sale, pepe, un litro e un quarto di brodo di pollo, pecorino grattugiato, pane grattato.

Mettete la carne tritata in una terrina, unitevi l’uovo, sale, pepe e una manciatona di pecorino grattugiato. Mescolate con cura per ben amalgamare (se il composto fosse troppo morbido potete aggiungere un pochino di pane grattato). Formate ora delle polpettine grosse poco più di nocciole e fatele rosolare nel burro spumeggiarne. Nel frattempo ponete al fuoco il brodo e portatelo a bollore: buttatevi i fegatini di pollo, prima ben mondati e tagliuzzati e fateli cuocere per pochi minuti. Intanto tostate le fette di pane e tagliate a fettine sottili il caciocavallo. Prendete dei capaci piatti fondi o delle ciotole da zuppa; mettete sul fondo di ciascuna due fette di pane, spargetevi sopra le fette di formaggio e sopra a queste le polpettine (suddividendo equamente gli ingredienti a disposizione). Versate su tutto il brodo bollente con i pezzetti di fegatini. Servite subito, ben caldo.

Zuppa dì pane e uova

Tempo: circa 45 minuti. Grado di difficoltà: facilissima

Ingredienti per 4 persone: tre peperoni di diverso colore, tre spicchi di aglio, una piccola cipolla, 25 g di burro, due cucchiai di olio, un litro e un quarto scarso di brodo (meglio se di carne o pollo), otto fette di pane francese (di formato piccolo), una bustina di zafferano, quattro uova, sale, pepe.

Infilate i peperoni uno alla volta sui rebbi di una forchetta, poi passateli ripetutamente sulla fiamma del gas, in modo da bruciacchiare tutta la pellicina superficiale. Quando questa sarà quasi carbonizzata, eliminatela, lavando i peperoni sotto l’acqua corrente. Poi staccate i picciuoli, aprite gli ortaggi a metà, eliminando i semini e le nervature bianche intere. Riducete i peperoni a strisce. Tritate aglio e cipolla; fateli rosolare piano con l’olio e il burro; quando saranno ben appassiti unite i peperoni e fateli insaporire per 5 minuti, mescolando spesso. Ora bagnate con il brodo caldo nel quale avrete prima diluito lo zafferano. Regolate di sale e fate cuocere dolcemente per 30 minuti. Intanto tostate le fette di pane francese e mettetene due sul fondo di quattro pirofile da porzione (meglio se in terracotta). Sgusciate le quattro uova in altrettante tazzine, facendo ben attenzione a non rompere il tuorlo. Versate in ogni recipiente un quarto della zuppa, spolverizzatela con una macinata di pepe e fatevi scivolare sopra le uova; al calore della minestra l’albume si dovrà rapprendere ed il tuorlo riscaldare. Coprite per 5 minuti, poi servite, salando un po’ ogni uovo e pepandolo a piacere.

Zuppa pugliese

Tempo:
circa 30 minuti più 1 ora di riposo. Grado di difficoltà: facile

Ingredienti per 4/6 persone: 400 g di pane pugliese leggermente raffermo, mezzo litro di latte, burro, 100 g di pecorino grattugiato, quattro uova, brodo, sale, pepe, noce moscata.

Eliminate la crosta del pane e sbriciolate la mollica in una terrina. Ricopritela di latte e lasciatela riposare per 1 ora. Rovesciate quindi il composto in una casseruola, unite 100 g di burro, sale, pepe in abbondanza e, sempre mescolando, portate a bollore e lasciate ben asciugare l’impasto. Levate dal fuoco, incorporate il formaggio grattugiato e le uova, uno alla volta. Amalgamate con cura e lungamente, in modo da ottenere un composto moderatamente consistente. Nel frattempo avrete provveduto a portare a ebollizione un litro e mezzo scarso di brodo (meglio se di carne o di pollo); prelevate ora il composto a cucchiaini e tuffateli nel brodo. Quando avrete esaurito l’impasto, spegnete il fuoco, coprite la zuppa e lasciatela riposare per 5 minuti, prima di servirla.

Gnocchi di pane alla tirolese

Tempo: circa 40 minuti. Grado di difficoltà: facile
Ingredienti per 4 persone: 200 g di pane raffermo, 150 g di pancetta affumicata, tre uova, un quarto di latte, farina, sale, pepe, noce moscata, 75 g di prosciutto cotto affumicato, burro.
Tagliate la pancetta a dadini piccolissimi: metteteli in una padella senza alcun condimento, fateli tostare e buttare il loro grasso. Nel frattempo tagliate il pane a dadi pure molto piccoli, buttateli quindi nel tegame e, sempre mescolando, fateli rosolare fino a quando avranno assorbito tutto il grasso della pancetta. Togliete il recipiente dal fuoco, trasferite il composto in una terrina, unitevi il latte e le uova, prima frullati insieme e, sempre mescolando bene, una presa di sale, una macinata di pepe e una grattata di noce moscata. Fate riposare l’impasto per 10 minuti, poi incorporatevi la farina, in quantità sufficiente a ottenere un impasto abbastanza consistente (ve ne occorrerà un quantitativo variante tra i 100 e i 150 g, a seconda della grossezza delle uova usate). Mescolate con cura per ben amalgamare; meglio ancora lavorate il composto con le mani fino a che risulterà omogeneo. Tagliate a dadini il prosciutto affumicato. Prelevate delle quantità di composto grosse all’incirca come albicocche, mettete nel mezzo qualche dadino di prosciutto e manipolate lo gnocco, in modo da chiudere all’interno il prosciutto. Preparate tutti gli gnocchi allo stesso modo. Tuffateli in abbondante acqua salata e cuoceteli per circa 15 minuti, a bollore insensibile. Scolateli con una schiumarola, disponeteli in piatti individuali e conditeli con burro fuso a color nocciola.

Gnocchi dì pane al burro nero

Tempo: circa 1 ora più 1 ora di riposo. Grado di difficoltà: facile

Ingredienti per 4 persone: 350 g di pane all’olio raffermo di un giorno, un litro di brodo, tre uovo, farina, abbondante grana grattugiato, un pizzicane di noce moscata, 100 g di salame a pasta fine, sale, pepe.
Spezzettate il pane in una terrina, versatevi sopra il brodo caldo e lasciatelo macerare e ammorbidire per un’eretta. Trascorso il tempo indicato passate il pane al setaccio, dopo averlo strizzato tra le mani; raccoglietelo in un’altra terrina, incorporatevi le uova, una presa di sale, una macinata di pepe, una grattata di noce moscata e il salame tritato finissimo; quindi unite tre buone manciate di grana grattugiato e farina bianca sufficiente a ottenere un impasto morbido ma non colloso (ve ne occorreranno 5-6 cucchiai). Fate bollire dell’acqua salata; prelevate dall’impasto degli gnocchetti irregolari, con un cucchiaino bagnato, e buttateli nell’acqua. Dopo che li avrete aggiunti tutti, attendete che vengano a galla e scolateli bene con la schiumarola. Trasferiteli in un largo piatto di servizio e irrorateli con abbondante burro fuso a color nocciola e molto grana grattugiato. Mescolate piano e servite gli gnocchetti ben caldi.

Gnocchi verdi

Tempo: circa 1 ora. Grado di difficoltà: facile

Ingredienti per 4 persone: 350 g di pane raffermo 1 kg di spinaci, grana grattugiato, un quarto di latte, due uovo, sale, burro, farina.

Lavate ripetutamente gli spinaci, poi fateli lessare con la sola acqua rimasta dal lavaggio e una manciata di sale. A cottura ultimata, scolateli e lasciateli intiepidire quel tanto che basta per poterli strizzare bene. Tritateli e fateli saltare per qualche minuto con una noce di burro, affinchè si asciughino bene. Grattugiate il pane raffermo e mettetelo in una terrina; unitevi 100 g di grana grattugiato, gli spinaci, le uova, il latte e farina quanto basta per ottenere un impasto abbastanza consistente e morbido al tempo stesso. Portate a ebollizione dell’acqua salata; poi con un cucchiaino bagnato prelevate dal composto degli gnocchetti irregolari che tufferete nell’acqua a bollore. Quando li avrete messi tutti, attendete che vengano a galla, poi scolateli con una schiumarola e conditeli con burro fuso a color nocciola e, a piacere, con altro grana grattugiato.

Spaghetti con la mollica

Tempo: circa 30 minuti. Grado di difficoltà: facilissima

Ingredienti per 4 persone: 500 g di spaghetti, 400 g di pomodori freschi, 50 g di mollica di Pane (anche Carré), quattro filetti di acciuga, un peperoncino rosso, una cipolla, due spicchi di aglio, una castola di sedano, olio, sale, pepe.

Ponete sul fuoco l’acqua per la cottura della pasta. Tritate finemente la cipolla, l’aglio, il sedano (tutto prima ben mondato) e, a parte, i filetti di acciuga. Fate rosolare il trito preparato con tre cucchiai di olio, unite il peperoncino intero e quando il soffritto sarà ben appassito aggiungete i pomodori, prima sbollentati, pelati e tagliati a filetti piccolissimi. Salate e pepate poco e fate cuocere il sugo per 25 minuti a fiamma dolce. Non appena l’acqua bollirà salatela e buttatevi gli spaghetti cuocendoli al dente (o secondo il vostro gusto). Nel frattempo fate scaldare in un tegamino un cucchiaio abbondante di olio, buttatevi dentro la mollica sbriciolata e fatela dorare, mescolando rìpetutamente. Scolate la pasta, mettetela in una zuppiera da portata, conditela prima con la salsa (dalla quale avrete tolto il peperoncino) poi con la mollica (che sostituisce il formaggio). Mescolate e servite subito ben caldo.

Secondi

Hamburger all’americana

Tempo: circa 30 minuti. Grado di difficoltà: facilissima

Ingredienti per 4 persone: 500 g di carne di manzo molto magra, una cipolla, un pezzetta di grasso di rognone (50 g), otto fette di Pane Carré del Mulino Bianco, olio, quattro filetti di acciuga, quattro olive verdi, sale, pepe.

Passate per due volte al tritacarne, montato con il disco a fori piccoli, la carne con la cipolla sbucciata e il grasso di rognone. Insaporite con sale e pepe il trito ottenuto e con esso formate otto polpette che appiattirete con le mani, arrotondandole bene (se avete l’utensile apposito formate con esso gli hamburger). Metteteli in un piatto, irrorateli con un filo di olio e lasciateli riposare per 10 minuti. Tagliate le fette di Pane Carré in dischi grandi come gli hamburger. Fate scaldare bene una graticola, adagiatevi sopra gli hamburger e fateli cuocere per circa 10 minuti, a fuoco moderato, in modo che non si brucino esternamente. Voltateli con una paletta a metà cottura. Nel frattempo fate dorare nell’olio le fette di Pane Carré, in modo che siano pronte, ben bollenti, contemporaneamente agli hamburger. Levate questi dalla graticola e adagiateli sul pane, posandovi nel mezzo, un’acciuga arrotolata con dentro un’oliva snocciolata. Servite subito ben caldo.

Mozzarella «in autobus»

Tempo: circa 40 minuti. Grado di difficoltà: facilissima

Ingredienti per 4 persone: sedici fette di Pane Carré del Mulino Bianco, due mozzarelle, quattro fette di prosciutto cotto, otto filetti di acciuga, due uovo, un quarto di latte, sale, pepe, pane grattato, olio per friggere.

Levate la crosta alle fette di pane o meglio ancora ritagliatele con un bicchiere in dischi grandi come le fette delle mozzarelle che avete acquistato. Dividete a metà le fette di prosciutto cotto e date a queste la stessa forma delle fette di mozzarella, regolandole con un coltello. In una terrina larga e bassa sgusciate le uova, frullatele, diluendole man mano con il latte. Insaporite con sale e un po’ di pepe. Immergete un disco di pane in questo miscuglio, strizzatelo delicatamente tra le mani, posatevi sopra una fetta di mozzarella, un filetto di acciuga (che accorcerete leggermente se dovesse sbordare dal pane) e una fettina di prosciutto. Coprite il tutto con un altro disco di pane bagnato nel latte e uovo e strizzato. Comprimete il sandwich ottenuto tra le mani per farlo aderire, poi passatelo ripetutamente nel pane grattato, in modo che gli ingredienti restino ben compressi tra loro e il sandwich non si apra in cottura. Preparate allo stesso modo tutte le altre mozzarelle «in autobus» (una variante di quelle… in carrozza!). Fate scaldare abbondante olio nella padella dei fritti immergetevi due o tre mozzarelle alla volta e fatele dorare e friggere a fuoco abbastanza vivo. Servitele ben calde e croccanti.

Vaschette dì pane all’occhio

Tempo: circa 40 minuti. Grado di difficoltà: elaborata

Ingredienti per 4 persone: due filoncini di pane integrale, otto uova, 30 g di funghi secchi, brandy, burro, uno spicchio di aglio, sale, pepe, 4 fegatini dì pollo.
Mettete a bagno i funghi secchi per farli ben rinvenire. Poi scolateli dall’acqua di ammollo, conservando quest’ultima. Mettete un telo fitto su un colino e filtrate l’acqua dei funghi, raccogliendola in una terrinetta. Lavate bene i funghi, poi strizzateli. Fate rosolare lo spicchio di aglio con 40 g di burro; quando sarà a color nocciola, levatelo e mettete nel condimento i funghi, facendoli saltare inizialmente a fuoco allegro. Poi spruzzateli con qualche cucchiaiata della loro acqua, e fateli cuocere per circa 20 minuti. Frattanto pulite i fegatini e tagliateli a pezzetti. Uniteli ai funghi negli ultimi minuti di cottura, giusto il tempo perché prendano colore e si insaporiscano.
Spruzzate tutto con un po’ di brandy, lasciate evaporare il distillato e asciugare bene il sugo, salate, pepate e togliete dal fuoco. Passate il composto al frullatore per ridurlo in crema. Tagliate i filoni di pane a fette alte circa 4 cm; poi con molta delicatezza svuotate la parte centrale di ogni fetta, creando una cavità che possa contenere un uovo (attenzione a non fare buchi nella mollica sottostante). Spalmate queste cavità con la crema preparata. Sgusciate un uovo alla volta in una tazzina, poi fatelo scivolare nella vaschetta di pane. Salatelo un po’, mettetevi sopra un fiocchetto di burro posate le vaschette sulla placca del forno unta e introducete in forno, a 180° per 10 minuti.

Croque-Monsieur

Tempo: circa 20 minuti. Grado di difficoltà: facilissima

Ingredienti per 4 persone: otto fette di Pane Carré del Mulino Bianco, burro, due uovo, 150 g di Emmental, pepe, due larghe fette di prosciutto cotto tagliate un po’alte, un pomodoro.

Grattugiate l’Emmental; tagliate a metà le fette di prosciutto. Sgusciate in un piatto le uova, insaporitele con una presa di sale e molto pepe; frullatele, poi incorporatevi il formaggio grattugiato, amalgamando bene. Imburrate abbondantemente quattro fette di Pane Carré, adagiatele in una teglia pure imburrata e distribuitevi sopra il composto di uova e formaggio in uno strato consistente. Posate su questo mezza fetta di prosciutto, e coprite con un’altra fetta di Pane Carré. Spalmate di burro la superficie del pane, infilate in ogni Croque-Monsieur uno stecchino e su questo introducete una fetta di pomodoro (prima lavato e asciugato), salandola leggermente. Mettete la teglia in forno già acceso a 200° e fate tostare i Croque-Monsieur per 10 minuti. Serviteli caldissimi.

 

Crostoni alle uova

Tempo: circa 10 minuti Grado di difficoltà: facilissima

Ingredienti per 4 persone: quattro fette di Pane Carré del Mulino Bianco, burro, 150 g di prosciutto crudo molto magro, quattro uova, sale, pepe.
Per guarnire, qualche cetriolino, due pomodori, prezzemolo francese.

Tostate le fette di pane e imburratele abbondantemente; tagliate a dadini piccolissimi il prosciutto crudo e disponetelo sulle fette di pane ricoprendole completamente. Imburrate una pirofila rotonda; sgusciate un uovo alla volta in una tazzina e fatelo poi scivolare nella pirofila. Salatelo poco, pepatelo e mettete qua e là qualche fiocchetto di burro. Introducete le uova in forno acceso a 180° e cuocetele per circa 8 minuti, fino a che l’albume si sarà rappreso e il tuorlo sarà caldo ma ancora morbido. Levate le uova dal forno e con uno stampino (o un grosso bicchiere) incidete l’albume intorno ad ogni tuorlo, così da regolarizzare i contorni e formare un disco con il tuorlo nel centro: sollevate ogni uovo ritagliato con una paletta e posatelo sul prosciutto. Disponete i crostoni su un piatto di servizio e decoratelo con i cetrioli tagliati a ventaglietto, spicchi di pomodoro (prima lavato) e ciuffetti di prezzemolo francese (il tipo molto riccio e decorativo).

Crostoni alla valdostana

Tempo: circa 30 minuti. Grado di difficoltà: facile

Ingredienti per 4 persone: otto fette di Pane Carré del Mulino Bianco, latte, otto fettine di mortadella o se sono grosse quattro, 150 g di fontina, burro, farina, sale, pepe.

Imburrate una teglia rettangolare dove le otto fette di Pane Carré possano stare in un solo strato; passate queste ultime velocemente nel latte, poi adagiatele nel recipiente e posatevi sopra una fetta di mortadella (o mezza fetta) ritagliata nella stessa forma del pane. Riducete la fontina a lamelle sottili e distribuitela sui crostoni in uno strato molto consistente. Fate fondere 30 g di burro in una casseruolina, stemperatevi dentro un cucchiaio di farina e, non appena questa sarà imbiondita, diluitela con il latte caldo. Salate e fate cuocere la salsa, sempre mescolando, per 10 minuti. Non appena sarà pronta, versatene uno strato sopra ogni crostone. Introducete la teglia in forno acceso a 200° e fate gratinare i crostoni per 20 minuti.

Crostoni brasiliani

Tempo: circa 20 minuti. Grado di difficoltà: facilissima

Ingredienti per 4 persone: quattro fette di Pane Carré del Mulino Bianco, 300 g di carne di pollo arrostita avanzata, burro, una scatola di pesche sciroppate, 100 g di mascarpone, sale, pepe, un pizzico di curry, succo di limone, quattro foglie di lattuga larghe e belle, quattro cìliegine da cocktail.

Disossate il pollo, eliminate la pelle e tagliate la polpa a dadi ni molto piccoli. Prelevate dalla scatola due mezze pesche sciroppate, mettetele nel bicchiere del frullatore, unite un cucchiaio del loro sciroppo di conserva e riducetele in crema. Trasferitela in una terrina, incorporatevi il mascarpone e altri due cucchiai di sciroppo di conservazione. Aromatizzate con il Curry, con un po’ di sale e abbondante pepe. Profumate con un cucchiaino di succo di limone, poi unite questa insolita salsa agrodolce ai dadini di pollo, mescolando con cura. Imburrate le fette di Pane Carré; lavate e asciugate le foglie di insalata: adagiatele su un piatto di servizio (o su piatti individuali) e posatevi sopra il pane imburrato sul quale suddividerete equamente il composto di pollo e salsa. Decorate ogni crostone con due spicchi di pesca sciroppata e una ciliegina da cocktail. Servite questo piatto fresco e gustoso per una cena estiva.

Crostoni alla pancetta

Tempo: circa 25 minuti. Grado di difficoltà: facilissima

Ingredienti per 4 persone: quattro fette di Pane Carré del Mulino Bianco, quattro sottilette o quattro fette di formaggio Emmental tagliato sottilmente, dodici fettine di pancetta affumicata, 30 g di burro, tre cipolline solfacelo, un cucchiaino di senape.

Lavorate il burro (che avrete fatto ammorbidire a temperatura ambiente) con un cucchiaio di legno per renderlo un po’ cremoso; incorporatevi le cipolline tritate finissime e la senape, amalgamando bene. Con questo composto spalmate abbondantemente le fette di Pane Carré: posatevi sopra una sottiletta o una fetta di Emmental e su questa adagiate le fette di pancetta, ripiegate in modo che abbiano la stessa lunghezza della fetta di pane e leggermente accavallate. Disponete i crostoni sulla placca del forno acceso a 220° e fateli tostare per 3-4 minuti, quanto basta cioè perché il formaggio si fonda e la pancetta si tosti bene. Serviteli caldissimi.

Soffiato dì pane e mozzarella

Tempo: circa 1 ora. Grado di difficoltà: facilissima

Ingredienti per 4 persone: dodici fette di Pane Carré del Mulino Bianco, due mozzarelle, due uovo, un quarto di latte, sale, una scatola di filetti di acciuga, burro, 120 g di prosciutto cotto.

Levate la crosta alle fette di Pane Carré; sgusciate le uova in una terrina larga e bassa, frullatele un attimo con la forchetta poi versatevi sopra lentamente il latte, sempre sbattendo. Insaporite con una presa di sale. Imburrate uno stampo rotondo a pareti alte (il tipo da soufflé). Immergete nel miscuglio di uova e latte una fetta di pane alla volta, lasciatela ammorbidire, strizzatela tra le mani e adagiatela sul fondo dello stampo (ve ne occorreranno quattro per ricoprirlo). Tagliate a fettine sottili le mozzarelle e adagiatene alcune sul pane (usando un terzo di quelle a disposizione) poi distribuitevi sopra qualche filetto di acciuga e mettete uno strato di fette di prosciutto, utilizzandone la metà. Fate un secondo strato di pane imbevuto nel latte e strizzato, poi ancora mozzarella, acciughe e prosciutto. Terminate con il pane che ricoprirete interamente con fette di mozzarella. Sopra queste mettete tre filetti di acciuga e qualche fiocchetto di burro. Introducete il soffiato in forno acceso a 180° e fate dorare e gonfiare per circa 30 minuti, senza mai aprire lo sportello del forno. Servite subito.

Dolci

Budino Giamaica

Tempo: 1 ora e 15 minuti. Grado di difficoltà: facile

Ingredienti per 4 persone: sette fette di Pane Carré del Mulino Bianco, latte, tre banane piccole o due grosse, 200 g di zucchero, un uovo, un limone, 50 g di zucchero vanigliato, un cucchiaio di liquore alla banana oppure brandy, sale.

Sbriciolate le fette di Pane Carré (che dovranno essere un po’ rafferme), in una terrina; bagnatele di latte e lasciatele macerare fino a che saranno ben ammorbidile. Poi strizzate il pane e trasferitelo in un altro recipiente. Sbucciate le banane e riducetele in poltiglia; potete farlo schiacciandole con la forchetta oppure frullandole insieme a un cucchiaio di latte. Unite le banane al pane, amalgamando bene i due ingredienti, preferibilmente con le mani per ottenere un risultato migliore. Aggiungete ora 100 g di zucchero e mescolate con un cucchiaio di legno. Sgusciate l’uovo, separando il tuorlo dall’albume: ponete questo in una terrinetta, unite un pizzico di sale e montatelo a neve densissima; unitelo poi al composto di pane e banane, mescolandola dal basso verso l’alto. Montate a crema il tuorlo con 50 g di zucchero e lo zucchero vanigliato: unite il succo di limone e la scorza grattugiata. Mescolate, poi incorporate questa crema alla preparazione precedente. Infine aggiungete il liquore di banane o il brandy. Ponete il restante zucchero in una casseruolina, unite due cucchiai di acqua e fatelo caramellare; versate ora questo caramello in uno stampo da budino con il buco centrale e ruotate il recipiente in modo da distribuire il caramello su tutto il fondo e leggermente anche sulle pareti. Versate nello stampo il composto preparato prima e livellatelo bene. Ponetelo in forno e fatelo cuocere per circa 45-50 minuti a 180°. Levate dal forno lasciate riposare un momento, poi capovolgete il dolce su un piatto di servizio. Potete servirlo sia caldo sia freddo.

Biancomangiare

Tempo: circa 1 ora. Grado di difficoltà: facile

Ingredienti per 4 persone: 200 g di Pane Carré del Mulino Bianco, mezzo litro di panna, quattro albumi, 200 g di zucchero, 150 g di mandorle, burro per ungere, pane grattato.

Spezzettate il Pane Carré e mettetelo in una terrina: versatevi sopra la panna e lasciatelo ben ammorbidire; poi passate il composto al setaccio o al frullatore, per ottenere un impasto liscio. Montate a neve densissima gli albumi; incorporate al composto prima lo zucchero, poi le mandorle tritate finissime o passate addirittura al frullatore e infine gli albumi montati a neve. Amalgamate con delicatezza. Imburrate e cospargete di pane grattato uno stampo a pareti un po’ alte. Versatevi la preparazione e fatela cuocere in forno, a 180°, a bagnomaria, per circa 45 minuti. Servitela dopo averla fatta raffreddare nello stampo stesso.

Torta dì pane e rabarbaro

Tempo: circa 1 ora e 20 minuti. Grado di difficoltà: facile

Ingredienti per 4 persone: 1 kg di coste di rabarbaro, dodici fette di Pane Carré del Mulino Bianco, 100 g di zucchero, 50 g di burro. Eventualmente: rum o brandy.

Lavate le coste di rabarbaro e con un coltellino asportatene i filamenti; poi tagliate ogni cestola in pezzi di un paio di centimetri. Mettetele in una casseruola, con lo zucchero: portatele su fuoco dolce e lasciate cuocere per una decina di minuti, fino a che il rabarbaro sarà tenero e si sarà formato un certo quantitativo di sciroppo. Imburrate uno stampo che possa contenere quattro fette di Pane Carré in un solo strato; spalmate di burro il pane e adagiatelo sul fondo dello stampo mettendo il lato non i imburrato contro il recipiente. Coprite il Pane Carré con la metà delle cestole di rabarbaro; coprite con altre quattro fette di pane imburrato; disponetevi sopra il rabarbaro rimasto e terminate con le ultime fette di pane. Versate sulla superficie del dolce lo sciroppo di cottura del rabarbaro distribuendolo bene con una spatola. Coprite lo stampo con carta di alluminio e fatelo scivolare in forno acceso a 200°, lasciando cuocere per circa 1 ora. Togliete dal forno, eliminate la carta di alluminio e servite il dolce caldo. A piacere potete aggiungere al rabarbaro, durante la cottura iniziale, un paio di cucchiai di rum o brandy.

Torta delìzia

Tempo: circa 1 ora e 30 minuti. Grado di difficoltà: facile

Ingredienti per 4 persone: 18 fette di Pane Carré del Mulino Bianco, 100 g di uva passa, 50 g di pinoli, burro, 500 g di mele (qualità delizia), un limone, 100 g di zucchero, pane grattato, latte, cannella, un uovo, rum, un pizzico di sale.

Mettete a bagno l’uva passa in acqua calda per 15 minuti: poi scolatela, buttando l’acqua, mettetela di nuovo nella terrina e spruzzatela di rum, lasciandola macerare per altri 15 minuti e unendo, se volete, anche i pinoli, in modo da ammorbidirli. Imburrate le fette di pane. Sbucciate le mele, eliminate il torsolo con l’apposito utensile, poi tagliatele a fette sottilissime in senso orizzontale. Ponetele in un largo piatto, unitevi l’uvetta e i pinoli, la scorza del limone grattugiata, 50 g di zucchero e un pizzico di cannella. Mescolate piano. Imburrate uno stampo rettangolare, cospargetelo di pane grattato, poi scuotetelo per eliminare l’eccesso di pane. Fate sul fondo del recipiente uno strato di pane imburrato: posatevi sopra uno strato di mele, poi ancora pane, mele e terminate con il pane. Sgusciate l’uovo in una terrina, unitevi il restante zucchero, il sale, e frullate per qualche istante; poi diluite lentamente con mezzo litro di latte, sempre mescolando. Versate ora il composto sul dolce di pane e mele, distribuendolo equamente in modo che tutto il pane resti bagnato. Infornate per circa 1 ora e 10 minuti a 180°. Servite caldo o freddo.

Torta dì pane

Tempo: 1 ora e 30 minuti più una notte di ammollo. Grado di difficoltà: facile

Ingredienti per 4 persone: 125 g di pane raffermo, 125 g di zucchero, 50 g di uva sultanina, rum, 100 g di canditi misti a dadini (si acquistano in apposite confezioni), 50 g di burro più quello per ungere, due uovo grosse (o tre piccole), mezzo litro di latte, pane grattato.

La sera precedente alla preparazione della torta, spezzettate il pane in una ciotola, versatevi sopra il latte freddo, coprite e lasciate riposare per tutta la notte al fresco. La mattina seguente, riprendete il composto e lavoratelo a lungo con una frusta o un cucchiaio di legno fino a che otterrete un amalgama omogeneo. Sgusciate le uova in un’altra terrina, unite lo zucchero e montatele a crema fino a che saranno gonfie e spumose; incorporatevi il burro prima fuso a bagnomaria e due cucchiai di rum. Mescolate con cura, poi unite la crema al pane, rimestando di nuovo energicamente. Aggiungete infine l’uvetta, prima rinvenuta in un po’ di rum e i canditi (se volete potete metterli a bagno prima insieme con l’uvetta). Mescolate di nuovo. Imburrate una tortiera di 26-28 cm di diametro, cospargetela di pane grattato e scuotetela per eliminare l’eccesso di pane. Versatevi dentro il composto, livellandolo bene. Introducete la torta in forno, preriscaldato a 190° e fatela cuocere per circa 1 ora. La superficie dovrà diventare color biondo scuro e la torta risultare piuttosto consistente.

Torta meringata

Tempo: circa 1 ora e 10 minuti. Grado di difficoltà: facile

Ingredienti per 4 persone: sei fette di Pane Cane del Mulino Bianco, un bicchiere di latte, una fialetta di essenza di vaniglia, quattro cucchiai di zucchero, due mele, burro, marmellata di albicocche, quattro albumi, due cucchiai di zucchero al velo, un pizzichino di sale.

Levate la crosta alle fette di Pane Carré. Fate bollire il latte, con lo zucchero e l’essenza di vaniglia; poi versatelo in una terrina larga e bassa. Imburrate uno stampo rotondo; immergete nel latte ormai freddo le fette di Pane Carré, strizzatele e fatene un letto sul fondo dello stampo. Spalmatele con un velo di marmellata; su questa disponete le mele sbucciate e tagliate a fettine sottilissime. Montate a neve densissima gli albumi con lo zucchero al velo e il sale; rovesciate il meringaggio sopra le mele, livellandolo con un cucchiaio ma in modo irregolare così che la superficie risulti ondulata. Introducete il dolce in forno, acceso a 180° e fatelo cuocere fino a che la meringà risulterà dorata. Lasciatelo raffreddare prima di servirlo.

Dessert dì pane all’inglese

Tempo: circa 2 ore. Grado di difficoltà: facile

Ingredienti per 4 persone: dodici fette di Pane Carré del Mulino Bianco, burro, tre uova, un bicchiere di panna, tre bicchieri di latte, 150 g di uva di Corinto e di Smirne mescolate insieme, 100 g di zucchero, noce moscata, cannella in polvere.

Predisponete una pirofila che possa contenere sul fondo quattro fette di Pane Carré, ben ravvicinate. Imburrate il recipiente, poi imburrate abbondantemente le fette di Pane Carré su entrambe le «facce». Spargete sul pane la metà della dose di uva passa, aromatizzate con una grattata di noce moscata e un pizzicone di cannella. Coprite con altre quattro fette di Pane Carré sempre imburrate su entrambi i lati; ripetete gli ingredienti sopra descritti e terminate con uno strato di pane imburrato. Fate scaldare il latte fino al limite dell’ebollizione; poi levatelo dal fuoco e unitevi la panna. Sgusciate le Uova in una terrina, unitevi lo zucchero e montatele a crema; poi unitevi lentamente il latte, mescolando ininterrottamente. Lasciate riposare il composto per qualche istante, poi versatelo lentamente sul pane. Fate riposare la preparazione per 30 minuti in modo che il pane assorba perfettamente tutto il liquido. Trascorso questo tempo coprite il recipiente con carta di alluminio e introducetelo nel forno acceso a 200°. Fate cuocere per 30 minuti, coperto, poi eliminate l’alluminio e cuocete per altri 30 minuti, in modo che la superficie diventi ben dorata. Levate il dolce dal forno e fatelo riposare per 10 minuti prima di servirlo.

Dessert di pane e vino

Tempo: circa 45 minuti. Grado di difficoltà: facilissima

Ingredienti per 4 persone: 12 fette di Pane Carré del Mulino Bianco, quattro uovo, un pizzico di sale, olio per friggere, mezzo litro di vino bianco dolce, due chiodi di garofano, una scorzetta di cannella, la scorza di un limone,, zucchero, cacao amaro.

Eliminate dalle fette di Pane Carré la crosta. Sgusciate le uova in una terrina, unite un pizzichino di sale, un cucchiaino di zucchero e frullate per qualche istante. Fate scaldare abbondante olio nella padella dei fritti; immergete due o tre fette di pane alla volta nelle uova, sgocciolatele bene e adagiatele nell’olio caldo, facendole dorare da entrambe le parti e voltandole con una paletta. Prelevatele quindi dall’olio di frittura e posatele su carta assorbente a perdere l’unto. Versate il vino in una casseruolina (se volete potete usare anche vino rosso leggero), unite la scorza di limone tagliata a spirale e ben lavata, la cannella, di chiodi di garofano, e due cucchiai di zucchero. Mettete sul fuoco, fate scaldare a fiamma dolce, fino al limite del bollore, poi togliete il recipiente dal fornello. Imburrate una pirofila, fate sul fondo uno strato di pane fritto, cospargetelo abbondantemente di cacao e leggermente di zucchero; poi fate ancora uno strato di pane, e continuate ad alternare gli ingredienti fino a esaurimento degli stessi. Irrorate tutto con il vino caldo e passate in forno a 220° per 10 minuti, poi servite nel recipiente stesso di cottura oppure suddividete in coppe.

Frittelle di pane e lamponi (o fragole)

Tempo: circa 40 minuti. Grado di difficoltà: facile

Ingredienti per 4 persone: 300 g di pane raffermo, latte, tre uova, 200 g di zucchero, farina, 150 g di lamponi o 200 g di fragole fresche, oppure un misto di entrambi i frutti, olio.

Spezzettate il pane raffermo e mettetelo in una terrina; copritelo di latte e lasciatelo macerare fino a che sarà ben ammorbidilo; quindi eliminate il latte in eccedenza, strizzando il pane ma non completamente. Lavoratelo ora con un cucchiaio di legno o con un frullatore a immersione in modo da ottenere una pappa omogenea. Unitevi quindi 150 g di zucchero, le uova, sempre mescolando e farina in quantità sufficiente a formare un impasto morbido e legato. Lavate velocemente i frutti prescelti; scolateli e uniteli all’impasto (se usate le fragole tagliatele in due o tre parti). Mescolate con delicatezza. Fate scaldare abbondante olio nella padella dei fritti; prelevate il composto a cucchiaiate (poche per volta) e adagiatele nella padella schiacciandola leggermente in modo da formare delle frittelle che farete dorare da entrambe le parti. Man mano che verranno pronte passatele a perdere l’unto di cottura su carta assorbente da cucina e tenetele in caldo nel forno prima acceso e poi spento. Servite le frittelle calde, cosparse con lo zucchero rimasto.

Frittelle di pane «perduto»

Tempo: circa 30 minuti. Grado di difficoltà: facilissima

Ingredienti per 4 persone: un filone di pane francese raffermo, marmellata di arance, 2 uovo, latte, zucchero, sale, burro.
Tagliate a fettine il pane, eliminando tutta la crosta intorno. Spalmate di marmellata ogni fettina (tenete presente che dovranno essere in numero pari), poi accoppiatele a due a due premendo tra le mani per farle stare ben attaccate. In una larga e bassa terrina frullate le due uova, unite un bicchiere scarso di latte, insaporite con due cucchiai di zucchero, una presina di sale e immergete velocemente nel composto i sandwiches di pane. Strizzateli e passateli in un velo di farina. Fate spumeggiare abbondante burro in una padella di tipo inaderente; quando comincerà a dorarsi, immergetevi i sandwiches di pane e fateli friggere da entrambe le parti, voltandoli delicatamente con una paletta. Quando li vedrete ben dorati, scolateli, metteteli a perdere l’unto di frittura su carta assorbente da cucina e tenete in caldo le frittelle pronte mentre friggete le altre.

Pane dolce allo zabaione

Tempo: circa 1 ora e 30 minuti. Grado di difficoltà: facile
Ingredienti per 4 persone: 120 g di Pane Carré del Mulino Bianco, otto uovo, zucchero, burro, una bustina di lievito in polvere, un pizzico di sale, un limone, Marsala o Porto, pane grattato.

Spezzettate finemente il pane raffermo, raccogliendolo in una terrinetta. Sgusciate sei delle uova a disposizione, separando tuorli da albumi: mettete i primi in una terrina, unitevi 200 g di zucchero e montateli con una frusta elettrica, fino a ottenere una spuma soffice e gonfia. Unite al composto 100 g di burro prima sciolto a bagnomaria e raffreddato, la scorza grattugiata del limone e un pizzico di sale. Montate ora a neve densa gli albumi, aggiungendo una presina di sale per facilitare l’operazione. Unite quindi alla crema di uova parte degli albumi, parte del pane grattugiato e continuate così alternando gli ingredienti fino ad esaurirli. Alla fine aggiungete il lievito in polvere. Ricordate di mescolare sempre con molta delicatezza per non smontare gli albumi. Ungete di burro e cospargete con un po’ di pane grattato uno stampo rotondo da 24 cm di diametro; versatevi dentro la preparazione, livellandola bene. Introducete il dolce in forno già caldo a 180°, lasciandovelo per circa 30 minuti. A cottura ultimata uno stecco infilato nel centro del dolce dovrà uscirne asciutto. Togliete il dolce dal forno, fatelo raffreddare e disponetelo su un piatto di servizio. Preparate lo zabaione per accompagnarlo: montate i tuorli rimasti con due cucchiai colmi di zucchero; diluite la crema con due mezzi gusci d’uovo di Marsala o Porto, mettetela sul fuoco a bagnomaria e fatela cuocere a fiamma dolcissima, fino a che diventerà gonfia e spumosa, senza mai smettere di rimestare. Servite il dolce a fette, irrorandolo con qualche cucchiaiata di zabaione.

Mele farcite

Tempo: circa 1 ora e 10 minuti. Grado di difficoltà: facilissima

Ingredienti per 4 persone: quattro grosse mele renette, quattro fette di pane di miglio alte circa 1 cm, 75 g di burro, quattro cucchiai di zucchero, due cucchiai di rum, una tazza di panna montata.
Sbucciate le mele, poi con l’utensile apposito eliminate il torsolo, allargando poi leggermente l’apertura nella parte superiore. Mettete 50 g di burro, prima ammorbidito a temperatura ambiente, in una ciotola, lavoratelo con un cucchiaio di legno per renderlo cremoso, aggiungendo lo zucchero e lavorando fino a che questo sarà ben incorporato al burro. Ritagliate le fette di pane di miglio in dischi abbastanzi grandi per contenere una mela appoggiata sopra. Imburrate, con il burro rimasto, sia le fette di pane sia uno stampo rotondo nel quale i quattro dischi di pane possano stare comodamente ma leggermente ravvicinati. Spruzzate le mele con il rum a disposizione, poi adagiatele sul pane e riempite la cavità centrale con il burro zuccherato. Introducete il recipiente in forno acceso a 160° e fate cuocere le mele per circa 1 ora, bagnandole di tanto in tanto con il sugo che andrà a formarsi sul fondo del recipiente. Levate dal forno e servite le mele calde, sul loro crostone, spruzzandole a piacere con panna montata.